I nuovi bot? Stupidi ma produttivi

, , ,
productive chat bot tiledesk

Quale importante lezione abbiamo appreso in questi anni di entusiasmo per l’intelligenza artificiale e i bot? Se proponi agli esseri umani un bot “intelligente”, giocheranno con lui solo per capire se è davvero così intelligente.

Questo è il motivo per cui la grande “rivoluzione dei bot” ha fallito nel breve periodo. Facebook M è stata una disillusione ed è un esperimento chiuso. Come suggeriva TechCrunch nel 2016, “i chatbots che cercano di fare troppo, spesso falliscono”. La ragione di questo fallimento è che le aziende si sono concentrate sulla cosa sbagliata: costruivano bot intelligenti invece di bot produttivi.

I migliori bot odierni risolvono problemi in domini molto ristretti. Non fingono di essere umani, non fanno tutto e non possono (ne aspirano a) tenere una conversazione continua sulla maggior parte degli argomenti. Quello che possono fare, però, lo fanno bene.

I bot devono essere focalizzati su specifici domini di conoscenza. E i Faqbot sono la migliore istanza di questo paradigma. Non possono tenere una conversazione, sono solo addestrati a rispondere a poche, frequenti domande, cercando di riconoscere le domande comuni nel miglior modo possibile. Gli utenti sono, per loro natura, pigri. Se la sezione delle domande frequenti si trova nella mappa del sito, raramente un utente proverà a cercare al suo interno. Gli utenti contatteranno il team di supporto. Ieri con email, oggi con la live chat. Qui troveranno un bot in attesa, come uno smart-agent, che cerca solo di riconoscere le FAQ, nient’altro. Se il bot riconosce una FAQ, l’utente è generalmente felice e non chiederà mai di contattare un agente umano. Qui nasce il risparmio.

Se addirittura il team di supporto viene suddiviso in gruppi (o dipartimenti), puoi anche suddividere ulteriormente il dominio delle tue FAQ sulla stessa base di competenze dei gruppi di supporto e dei dipartimenti per focalizzare maggiormente ciascun argomento. Di conseguenza la probabilità di sbagliare diminuirà e il risparmio sui costi del supporto migliorerà ulteriormente.

I nostri bot, qui in Tiledesk.com hanno un successo comprovato che va dal 6% al 60% di match nella Knowledge Base delle FAQ. Queste sono statistiche che si traducono in risparmio. I nostri faqbot sono molto facili da configurare. Se possiedi un database delle FAQ avrai il tuo bot funzionante in pochi minuti: semplicemente, dopo aver caricato le tue FAQ, dovrai fare solo una cosa: scegliere un nome per il tuo bot. Ora mettilo al lavoro!
Per avere un’idea migliore di cosa può fare Tiledesk per il tuo business .